Tutela del territorio, il porto di Tutela del territorio, il porto di Agropoli pronto ad ospitare tre motovedette del Corpo Forestale

Lascia un commento

novembre 22, 2007 di feliciano1979

agropoli porto

L’Amministrazione comunale di Agropoli ha richiesto al Ministero dell’Ambiente l’acquisizione in uso al Corpo Forestale dello Stato di tre motovedette da utilizzare lungo le coste del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano ed ha proposto il porto di Agropoli come base operativa del servizio.

«La costa cilentana – afferma il Sindaco di Agropoli, Franco Alfieri – è inserita nel patrimonio dell’UNESCO e, ricadente nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, merita un’attenzione particolare per quanto attiene la tutela del territorio.

Il Corpo Forestale dello Stato è presente in questa area con il coordinamento territoriale per l’ambiente istituito presso il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, ma incontra notevoli difficoltà nell’attività di sorveglianza della fascia costiera sia per la carenza di organico che di mezzi adeguati».

In tal senso arriva la richiesta al Ministero dell’Ambiente per l’acquisizione in uso al Corpo Forestale dello Stato di almeno tre motovedette, con relativi equipaggi, da dislocare a servizio esclusivo lungo le coste del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, di cui una, almeno, con caratteristiche di navigabilità adeguata al mare aperto, per consentire gli spostamenti rapidi tra i punti foranei della costa cilentana, e le altre due con caratteristiche di vedetta per il pattugliamento costiero su bassi fondali.

Il Porto di Agropoli, quindi, è stato individuato come base operativa per il servizio e come punto ideale per il distaccamento delle motovedette sia per le dimensioni ed i servizi che offre, sia per la sua collocazione geografica.

«L’area – continua il primo cittadino di Agropoli – è stata interessata da incendi che hanno causato indicibili danni non solo all’ambiente, e per la sua conformazione è ben visibile e controllabile in particolar modo dal mare.

La presenza del Corpo Forestale dello Stato lungo la fascia costiera del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, dotato di opportuni mezzi nautici, può costituire un valido ed insostituibile deterrente sia per prevenire l’azione dolosa degli incendiari, sia per contrastare sul proprio campo d’azione il bracconaggio praticato alla fauna stanziale e migratoria».

Il Corpo Forestale dello Stato con Decreto Ministeriale n. 4/03 del 06/02/2003 ha costituito, come supporto operativo logistico, il servizio nautico per la salvaguardia degli ecosistemi costieri, marini, fluviali e lacustri. L’attività è già operante nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, del Circeo e del Gargano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: