Teatro La Provvidenza, lunedì 18 febbraio Nino D’Angelo è “L’ultimo scugnizzo”

Lascia un commento

febbraio 14, 2008 di feliciano1979

Nino D’Angelo è “L’ultimo scugnizzo” lunedì 18 febbraio alle 21 al teatro La Provvidenza di Vallo della Lucania. Il celebre cantante napoletano rappresenterà nel Cilento il glorioso testo del commediografo stabiese Raffele Viviani, magistralmente diretto dal regista Tato Russo.
Irresistibile, camaleontico ma anche teneramente umano, Nino D’Angelo sulla scena impersona ‘Ntonio Esposito, un figlio del popolo che, con un espediente e un ricatto, riesce a diventare segretario di un avvocato famoso che gli affida pratiche “pulite e sporche”. ‘Ntonio accetta perché sta per diventare padre e sente la responsabilità di trovare un’occupazione che gli permetta di sposare Luisella, la ragazza che è stata sua, dando al neonato uno stato civile.
E si fa subito apprezzare con la sua arte di arrangiarsi e la conoscenza del codice appresa dalla strada. Ma un finale a sorpresa rimette tutto in discussione. E, nonostante la sofferenza che lo coinvolge, riesce a dimostrare la sua onestà salvaguardando gli affari della famiglia che gli sono stati affidati. Cuore e coraggio, dunque, in una commedia in tre atti che promette emozioni genuine, per nulla addolcite da buonismo.
Eccezionale la scenografia che riproduce i motivi del barocco e del liberty napoletano dei quartieri alti e, scendendo raffinatamente nei vicoli dominati dalla “Madonnella”, si conclude nella stanza del segretario.
Celeberrima anche la “Rumba degli scugnizzi”, uno dei maggiori momenti teatrali e musicali dell’opera, così intenso e compiuto da essere spesso proposto autonomamente. In esso Viviani ha costruito con mirabile sintesi la vita e i colori della strada servendosi di un ritmo di moda.

Entusiasta la critica e il pubblico che sta accompagnando la tournèe dello spettacolo in giro per l’Italia. “Nino D’Angelo, la voce dei bassi che mette i brividi, è l’interprete ideale. Incarna perfettamente il personaggio”, ha scritto Carlo Rosati su “Il Tempo”. “Catalizza l’attenzione appena sale sul palco… magnetico scugnizzo il suo è un trionfo vero”, è anche il parere di Franco Quadri su “La Repubblica”.

La commedia debuttò al Piccini di Bari il 16 dicembre 1932, proponendo i temi scomodi – per il fascismo- della miseria e dell’emarginazione. Raffaele Viviani interpretava il ruolo dello scugnizzo, mentre la sorella Luisella era la prossima suocera di ‘Ntonio.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: